Jailbreak Roma 2012

1891012 10202226723883806 2129444945 n

Nel 1973, quando la Locanda delle Fate era ancora un gruppo che faceva cover dei vari, King Crimson, Gentle Giant, Genesis, E.L.P., fummo letteralmente impressionati dal "tiro" di R.I.P., appena uscito. Decidemmo così di inserirla in repertorio.  Provavamo in una  cantina nel cortile interno del teatro Alfieri di Asti; ci avevamo calato a fatica un pianoforte verticale per Michele, l'ultimo entrato.  R.I.P. fu uno  dei primi pezzi che lui eseguì con la Locanda.  Un paio d'anni dopo, quando ormai eseguivamo già molta musica nostra, dopo un concerto in zona del Banco, ci ritrovammo tutti insieme , Locanda e Banco al completo, a casa di Leonardo per la classica "rimpatriata" . Leo cucinava la carne alla griglia e faceva il mangiafuoco: beveva petrolio e poi lo spruzzava via, incendiandolo con un tizzone acceso. Furono loro, alcuni dei quali erano amici d'infanzia di Leo e compagni nelle "Esperienze", ad ascoltare in anteprima il nostro nastro con i provini dei pezzi di "Forse le lucciole". Furono sempre loro, ed in particolare Francesco, ad incoraggiarci ad andare avanti. Quei commenti autorevoli  e positivi ci fecero capire che ce la potevamo fare: Francesco di Giacomo era un mito per noi, come d'altronde lo era il Banco. Ecco il perchè della nostra emozione dell'altra sera al Jailbreak nell'eseguire "quel" pezzo, con "quella" voce. Chi l'avrebbe mai detto? Grazie della magìa, Francesco...

© locanda delle fate - all rights reserved              Privacy & Cookies